Fenomeni Intensi

Nessun Fenomeno Intenso

Bollettino mensile febbraio 2014

Nel mese di Febbraio 2014 la circolazione atmosferica sul Mediterraneo centrale è stata caratterizzata dal transito di numerosi sistemi frontali che hanno determinato un andamento medio depressionario, specie durante la prima e la terza decade del mese. Il ripetuto afflusso di aria umida di origine prevalentemente marittima ha dato origine ad abbondanti piogge i cui quantitativi mensili sono risultati superiori alla norma climatica su gran parte del territorio nazionale e in particolare sulle regioni nord-orientali, dove le anomalie sono state abbastanza elevate.

L’analisi delle medie decadali delle temperature massime mostra che nel corso del mese, su gran parte delle regioni settentrionali sono stati registrati valori ben al di sopra della media climatica, compresi nella maggior parte dei casi nell’intervallo +1.0 / +7.0 °C. Sulle regioni centro-meridionali la prima e la seconda decade sono state analogamente contraddistinte da temperature massime elevate che si sono attenuate nel corso della terza decade, specialmente sulle regioni tirreniche e sulle isole maggiori. Tale andamento delle temperature massime ha fatto registrare su molte località gli estremi della serie storica sia per i valori medi mensili che per quelli giornalieri; si riporta, come esempio, il valore giornaliero più alto del mese di febbraio che è stato rilevato a Catania Sigonella, dove il 17/02/2014 è stata osservata una temperatura massima giornaliera di +26.0 °C che ha superato di +0.4 °C il precedente valore estremo registrato il 27/02/1966.

Le temperature minime, come nel caso delle massime, hanno avuto un considerevole scostamento positivo dalla media climatica di riferimento. Nel corso della seconda decade si sono verificate le anomalie più alte con valori compresi tra +2.0 e +6.5 °C mentre nella terza decade gli scostamenti, per lo più positivi, non hanno superato i +4.5 °C. Estremi superiori dei valori medi mensili e giornalieri della temperatura minima sono stati rilevati rispettivamente su 30 e 14 stazioni AM / ENAV.

Le precipitazioni cumulate mensili sono state superiori alle medie del periodo su gran parte delle regioni settentrionali, specie sul Nord-Est, dove i quantitativi elevati hanno superato gli estremi di precipitazione cumulata in 24 ore e nell’intero mese rispettivamente su 1 e 7 stazioni AM / ENAV. Nella giornata del 16/02/2014 la stazione di Passo Rolle (TN) ha misurato un nuovo valore record di 108 mm contro gli 87.9 mm del 04/02/1966 e un nuovo valore record del cumulato mensile di pioggia pari a 401.8 mm contro i 167.9 mm del 1951. Gli altri valori estremi del cumulato mensile di pioggia sono: Aviano, precedente estremo di 272.7 mm, nuovo estremo di 333.6 mm; Udine Rivolto, precedente estremo di 188.3 mm, nuovo estremo di 266 mm; Milano Linate, precedente estremo di 155.2 mm, nuovo estremo di 159.9 mm; Brescia/Ghedi (BS), precedente estremo di 135.2 mm, nuovo estremo di Treviso/Istrana (TV), precedente estremo di 210.4 mm, nuovo estremo di 236.8 mm; Venezia/Tessera(VE), precedente estremo di 162.4 mm, nuovo estremo di 194.9 mm.

 

Clicca per visualizzare interamente il bollettino mensile

A cura del Servizio Climatologia del CNMCA