Festival della Meteorologia: dialogo tra scienza e arte

Ritorna in presenza il Festival della Meteorologia ed il Servizio Meteorologico dell’Aeronautica, partner dell’evento, partecipa attivamente con presentazioni ed uno stand espositivo.

Torna in presenza, a Rovereto, l’appuntamento con il Festival della Meteorologia, la rassegna che ogni anno propone approfondimenti e dibattiti dedicati al mondo della meteorologia, attirando appassionati, esperti e curiosi da tutta Italia. Quest’anno si terrà nelle giornate di giovedì 18, venerdì 19 e sabato 20 novembre. Anche per l’edizione 2021, il Festival continua a sorprendere: quest’anno si parlerà infatti del legame tra scienza e arte, intesa in tutte le sue declinazioni, dalla musica alla pittura fino alla letteratura con un inedito connubio tra meteo e Divina Commedia. 
Molti fenomeni atmosferici, infatti, esercitano naturalmente un proprio fascino e sono da sempre fonte di ispirazione per le arti figurative, per la musica e per la letteratura. La stessa comunicazione della meteorologia, in tutte le sue forme, spesso richiede competenze e doti artistiche. Il legame fecondo tra queste due dimensioni - scientifica e artistica - della meteorologia sarà quindi il filo conduttore degli eventi del festival del 2021.

Anche quest’anno l’Aeronautica Militare sarà quindi a Rovereto e, tra i conferenzieri, a rappresentare il Servizio Meteorologico dell’AM, interverrà il Gen. di Brig. Luca Baione in qualità di Rappresentante Permanente per l’Italia presso l’Organizzazione Meteorologica Mondiale. Inoltre, un apposito stand fornirà l’occasione per illustrare ai visitatori le attività svolte dal Servizio Meteorologico e alcuni degli strumenti attualmente in uso. Ma la partecipazione dell’AM di quest’anno esplorerà ambiti anche diversi da quelli del ruolo prettamente istituzionale. Infatti, di sicuro interesse per il grande pubblico sarà lo spettacolo “Dialogo intorno alla meteorologia. Con Dante” che andrà in scena Giovedì 18 novembre alle 21 al Teatro Zandonai. Qui la professoressa Lucia Rodler, del Dipartimento di Psicologia e Scienze cognitive dell’Università di Trento sarà in dialogo con il Ten. Col. Alessandro Fuccello, Capo Servizio analisi e previsioni meteorologiche del Centro Operativo per la Meteorologia di Pratica di Mare, per un viaggio tra bufere, nebbie, tempeste, nevicate e altri fenomeni meteorologici; la Divina Commedia è anche questo. 

 

L’evento si svolge in collaborazione con lo Stato Maggiore dell'Aeronautica Militare, il Dipartimento di Psicologia e Scienze cognitive e l'Associazione teatrale universitaria dell'Università di Trento.
Venerdì 19 novembre alle 14:30, avrà poi luogo l’inaugurazione vera e propria del festival presso il Palazzetto dello sport di Rovereto e alla presenza delle autorità. Dalle 15 in poi si entrerà nel vivo della manifestazione, con gli interventi di relatori e relatrici dai più diversi ambiti, scientifici e artistici, che tratteranno il connubio tra meteo e arte: la prima sessione di conferenze si occuperà di arte e meteorologia e di come i fenomeni atmosferici abbiano ispirato artisti, scrittori, poeti, pittori, musicisti e registi. Spazio anche a interventi dall’approccio scientifico e divulgativo sui cambiamenti climatici e sui fenomeni estremi, sostenibilità e lotta all’inquinamento.

Il Col. Adriano Raspanti capo Ufficio Meteorologia dell’Ufficio Generale Aviazione Militare e Meteorologia dello Stato Maggiore Aeronautica, terrà alle 15:00 un intervento su Arte e Meteorologia: La bellezza del dettaglio e dell’insieme, in cui illustrerà una carrellata di eccellenze meteorologiche come parte essenziale di un tutto armonico e complesso; nell’arte come nella scienza la visione e la comprensione dell’insieme non possono prescindere dall’esame, dalla comprensione e dall’apprezzamento dei dettagli, che non devono prevaricare, ma completare, tramite “colori”, “suoni” e complesse “tessiture”, il quadro più ampio. Chiuderà la prima giornata di lavori la tavola rotonda per la presentazione di ItaliaMeteo, la nuova Agenzia nazionale per la meteorologia e la climatologia. Sarà un momento importante del Festival perché con la recente nomina del direttore generale Carlo Cacciamani, si è virtualmente completato l’iter di attivazione e viene ora la fase di strutturazione dell’Agenzia e delle sue funzionalità. L’Aeronautica Militare attraverso il Rappresentante Permanente dell’Italia all’OMM contribuisce e collabora con le altre istituzioni presenti alla definizione di una roadmap ottimale per l’avvio di questa agenzia.

Ma, in generale, i tre giorni del Festival si articoleranno in attività che coinvolgeranno esperti del settore e non ma anche un pubblico di giovani e giovanissimi, attraverso attività didattiche, spettacoli, laboratori, mostre e concerti che esploreranno la connessione tra la meteorologia e le diverse forme d'arte. Insomma un evento davvero per tutti quelli che vogliono saperne un po’ di più sul nostro mondo, il mondo della meteorologia.

Tutti gli interventi saranno disponibili in streaming dal Canale YouTube Festivalmeteorologia!

 

Categorie News: