Previsioni meteorologiche – Italia, anno 2050

Continuamente sentiamo parlare dei cambiamenti climatici e del loro impatto su molti aspetti della vita, spesso in relazione alla vulnerabilità insita nell’accresciuta complessità della nostra società moderna. Affrontare questo tema e spiegare in modo semplice i possibili scenari ambientali e le conseguenti sfide che potremmo dover fronteggiare in un futuro non troppo lontano ma, per taluni aspetti, anche già oggi, è un compito arduo e non privo di risvolti comunicativi, sociali ed economici.
Aumentare la sensibilità dell’opinione pubblica su tali tematiche può tuttavia aiutare a ripensare le scelte che facciamo tutti i giorni, anche in relazione alle possibili conseguenze che hanno sul clima, contribuendo ad avviare un percorso consapevole e condiviso di trasformazione sociale a beneficio del nostro pianeta e quindi dell’intera umanità.
L’Organizzazione Meteorologica Mondiale (OMM), l’agenzia specializzata dell’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU), nel quadro dell’iniziativa “Weather reports from the year 2050”,  ha promosso la realizzazione, a cura di ogni Paese membro, di un audiovisivo in cui venisse simulata una ipotetica previsione meteorologica televisiva ambientata in un giorno qualunque dell’anno 2050.

L’Aeronautica Militare, punto di riferimento per la meteorologica nazionale attraverso il proprio Servizio Meteorologico, ha aderito all’iniziativa ed ha prodotto un breve filmato che è stato presentato, a livello mondiale, durante la World Conference on Disaster Risk Reduction tenutasi a Sendai (Giappone) il 14-18 marzo 2015 (http://www.wcdrr.org/).

Il video realizzato, che si aggiunge a quelli già presentati da altri paesi in questa oramai 3° Serie dell’iniziativa, non ha la pretesa di rappresentare un punto di vista necessariamente realistico sulla problematica che, per sua natura, è di difficile trattazione. Ha piuttosto lo scopo, avvalendosi di un intelligente stratagemma comunicativo suggerito dall’OMM, di accendere un ulteriore “riflettore” su una tematica complessa che tocca ciascuno di noi. Infatti, sfruttando il volto noto di uno dei previsori delle consuete rubriche meteo televisive della RAI, il video permette allo spettatore di rendersi conto “di persona”, in un modo del tutto familiare, di come le nostre azioni di oggi potrebbero avere “effetti” sul futuro.

L’iniziativa dell’OMM mira quindi ad accrescere, in termini generali, la sensibilità individuale verso le dinamiche del clima e, non da meno, ad incentivare le potenzialità o le possibilità della nostra società, quale sistema complesso, di resistere all’impatto di tali dinamiche in termini di elasticità adattativa e/o di recupero nei confronti dei cambiamenti che potrebbero manifestarsi. Tutto ciò va oggi sotto il nome di resilienza che, di fatto,  rappresenta l’opposto della vulnerabilità. 

Il video prodotto dall’AM ripercorre le linee di indirizzo tracciate dall’OMM e mostra come le tecnologie più avanzate ci permetteranno di disporre di informazioni meteorologiche più accurate e puntuali: un evento estremo, associato a fenomeni di forte intensità, verrà previsto diversi giorni prima; il sistema Italia avrà messo in atto misure tali da ridurre la propria vulnerabilità; nuovi servizi per il pubblico e per le istituzioni verranno aggiunti a quelli consueti delle rubriche meteo. In altre parole, per ovvie ragioni comunicative legate alla tipologia di iniziativa, si è scelto di raffigurare una situazione anomala di spiccata persistenza e di contrasto stagionale intenso invece di raccontare una delle tante belle giornate che comunque continueranno a caratterizzare il tempo del nostro Paese anche in futuro. 

Di seguito alcune immagini che descrivono le varie fasi del backstage del filmato. In particolare, le riprese sono state eseguite dal Centro Produzioni Audiovisivi dell’AM (Troupe Azzurra) presso la Società Sigma Consulting System S.r.l. che ha messo a disposizione lo studio “chroma key” e la computer grafica necessari per l’ambientazione futuristica del filmato.

 

 

Il Ten. Stefania De Angelis nello studio Chroma Key della Società Sigma Consulting System S.r.l.

 

Alcune fasi delle riprese in studio, eseguite dalla Troupe Azzurra dell’Aeronautica Militare

 

Fasi del montaggio
 

 

Computer grafica meteo

 

Computer grafica meteo

 

Riduzione della vulnerabilità

 

Il video è stato tradotto in inglese, spagnolo, francese e russo

 

Un dettaglio del Sole

 

Costellazione di satelliti di posizionamento
 

 

World Conference on Disaster Risk Reduction Sendai (Giappone) 14-18 marzo 2015

 

Il Segretario Generale dell’OMM, Michel Jarraud

 

Organizzazione Meteorologica Mondiale

 

 

Il video è disponibile su:

https://www.youtube.com/playlist?list=PLNaX-uTWSWrHU3ADBXLCwSs13IqF2gTIm
 

 

Categorie News: