Analisi tecnica

Commento sinottico su situazione e previsione meteorologica fino a tre giorni.
Viene emesso ogni giorno alle 08:30 UTC.

ANALISI GENERALE FINO ALLE ORE 24:00 DEL 16/01/19:
-DIAGNOSI SINOTTICA SU SCENARIO EUROPEO:
LO SCENARIO SINOTTICO EUROATLANTICO SI PRESENTA CARATTERIZZATO DA UNA
TIPICA CONFIGURAZIONE AD OMEGA, CHE VEDE UN ESTESO PROMONTORIO
INTERCICLONICO DI ORIGINE ATLANTICA, CHE GIUNGE FINO ALLA SCANDINAVIA
MERIDIONALE, INTERESSANDO TUTTA L'AREA CONTINENTALE CENTROCCIDENTALE,
CON AI LATI DUE SACCATURE, LA PRIMA CON MINIMO SUL MARE DI NORVEGIA E
PROTESA FINO ALL'ATLANTICO CENTRALE, MENTRE LA SECONDA SULL'EUROPA
ORIENTALE CHE SCENDE FINO ALL'AREA MEDITERRANEA.
NELLA GIORNATA SI ASSISTERA' ALLA GRADUALE TRASLAZIONE VERSO LEVANTE
DELL'INTERA CONFIGURAZIONE, CON I SERATA LA SACCATURA ATLANTICA CHE
INTERESSERA' APPIENO LA SCANDINAVIA, GRAN BRETAGNA ED AREE COSTIERE
ATLANTICHE, MENTRE LA SACCATURA AD EST INTERESSERA' L'ESTREMA
PORZIONE ORIENTALE DELLO SCENARIO.
A D+1 CONTINUA LA TRASLAZIONE VERSO LEVANTE DI ENTRAMBE LE SACCATURE,
CON QUELLA ATLANTICA CHE DALLA SCANDINAVIA SCENDE SULL'EUROPA
CENTRALE, ANDANDO AD ALIMENTARE UN MINIMO RELATIVO SUL MAROCCO, PER
VIA DI UN DELTA SULLA FRANCIA, CREATOSI A SEGUITO DELLA SENSIBILE
RISALITA DEL GEOPOTENZIALE IN AREA ATLANTICA.
A D+2 UN NUOVO MINIMO RELATIVO SULL'ATLANTICO SETTENTRIONALE SCENDE
VERSO SUD-EST, GIUNGENDO IN SERATA SULLA GRAN BRETAGNA, INTERROMPENDO
IL DELTA SULLA FRANCIA CHE ALIMENTAVA IL MINIMO MAROCCHINO E
PROVOCANDO LA TRASLAZIONE VERSO LEVANTE DELLA SACCATURA SULL'EUROPA
CENTRALE.
-DIAGNOSI SINOTTICA SU AREA NAZIONALE:
L'ITALIA SI PRESENTA INTERESSATA DA UN PROMONTORIO INTERCICLONICO, E
QUINDI CARATTERIZZATA DA UN CAMPO DI PRESSINI AL SUOLO IN GENERALE
ALTE E LIVELLATE.
A D+1 GRADUALE ATTENUAZIONE DEL GEOPOTENZIALE AL CENTRO-NORD PER
L'APPROSSIMARSI DA NORD-OVEST DELLA NUOVA SACCATURA ATLANTICA, CHE
AMPLIFICHERA' LE CONDIZIONI DI INSTABILITA' SU GRAN PARTE DEL
SETTENTRIONE E DEL SETTORE TIRRENICO.
A D+2 GRADUALE TRASLAZIONE VERSO SUD-EST DELL'ASSE FREDDO ASSOCIATO
ALLA SACCATURA, EX ATLANTICA, ORA CON MINIMO SULLA SCANDINAVIA, CHE
NELLA GIORNATA INTERESSERA' IL NORD-EST ED IL CENTRO-SUD DEL PAESE.
EVOLUZIONE PREVISTA PER LE PROSSIME 72 ORE:
-EVOLUZIONE PER IL GIORNO 16 GENNAIO 2019:
NUBI BASSE ED A CARATTERE STRATIFICATO SULLA LIGURIA, PIEMONTE E
LOMBARDIA MERIDIONALI, EMILIA-ROMAGNA OCCIDENTALE, REGIONI CENTRALI
TIRRENICHE E CAMPANIA, CON AL PIU' QUALCHE ISOLATO DEBOLE PIOVASCO;
CIELO SERENO O POCO NUVOLOSO SUL RESTO DEL PAESE.
DURANTE IL POMERIGGIO AUMENTO DELLA NUVOLOSITA' BASSA E STRATIFICATA
SUL RESTO DEL NORD, CON IN SERATA FORMAZIONE DI FOSCHIE DENSE IN
PIANURA PADANA.
VENTI DEBOLI O AL PIU' MODERATI DAI QUADRANTI MERIDIONALI AL SU E
LUNGO LE COSTE TIRRENICHE;
GENERALMENTE DEBOLI VARIABILI SUL RESTO DEL PAESE.
-EVOLUZIONE PER IL GIORNO 17 GENNAIO 2019:
MOLTE NUBI AL NORD E REGIONI TIRRENICHE, CON PRECIPITAZIONI, DA
SPARSE A DIFFUSE, A CARATTERE NEVOSO SU ALPI E PREALPI, OLTRE I 300 -
500 METRI, IN INTENSIFICAZIONE SERALE SULLE AREE ALPINE E PREALPINE
DEL TRIVENETO;
CIELO POCO NUVOLOSO O VELATO SUL RESTO DEL PAESE.
VENTI DEBOLI O AL PIU' MODERATI DAI QUADRANTI MERIDIONALI AL
CENTRO-SUD E LUNGO LE AREE COSTIERE ADRIATICHE SETTENTRIONALI;
GENERALMENTE DEBOLI VARIABILI SUL RESTO DEL PAESE, TENDENTI A
DISPORSI DAI QUADRANTI SETTENTRIONALI SU ALPI E PREALPI.
-EVOLUZIONE PER IL GIORNO 18 GENNAIO 2019:
AL PRIMO ATTINO ANCORA RESIDUI ADDENSAMENTI COMPATTI LUNGO L'ARCO
ALPINO E SULLE REGIONI ORIENTALI DEL NORD, CON PRECIPITAZIONI SPARSE,
A CARATTERE NEVOSO SULLE AREE ALPINE E PREALPINE DEL TRIVENETO, AL DI
SOPRA DEI 400 METRI;
MOLTE NUBI ANCHE SULLE REGIONI TIRRENICHE CENTROMERIDIONALI, CON
ROVESCI O TEMPORALI DA SPARSI A DIFFUSI;
CIELO POCO NUVOLOSO SUL RESTO DEL NORD E VELATO SUL RESTO DEL
CENTRO-SUD.
DALLA SECONDA PARTE DELLA MATTINATA TENDENZA A RAPIDO DIRADAMENTO
DELLA NUVOLOSITA' E ATTENUAZIONE DEI FENOMENI AL NORD-EST E SULLA
SARDEGNA, E CONTESTUALE AUMENTO DELLE VELATURE A PARTIRE DALLE
REGIONI OCCIDENTALI.
VENTI FORTI DAI QUADRANTI SETTENTRIONALI SULLA LIGURIA E DA NORD-EST
SULLE AREE COSTIERE ADRIATICHE SETTENTRIONALI;
GENERALMENTE DEBOLI ORIENTALI SUL RESTO DELLA PIANURA PADANA E SULLA
TOSCANA;
DEBOLI DAI QUADRANTI OCCIDENTALI SUL RESTO DEL CENTRO-SUD, CON LOCALI
RINFORZI SULLA SARDEGNA OCCIDENTALE, DEBOLI VARIABILI SUL RESTO DEL
PAESE.

C.N.M.C.A.