Bollettino mensile Dicembre 2014

Il mese di Dicembre 2014 è stato caratterizzato, nel suo complesso, da anomalie positive di temperatura rispetto al CliNo’61-90, più lievi al Centro-Sud, e più marcate sulle regioni settentrionali. Le precipitazioni cumulate nello scorso mese hanno avuto, invece, normali fluttuazioni intorno alle medie climatologiche del periodo, con un surplus al Centro, al Nord e sulla Sicilia, e un deficit sulle restanti regioni meridionali.
Il quadro sinottico sullo scenario euro-mediterraneo è stato dominato da un promontorio sub-tropicale di blocco sul vicino Atlantico, che ha consentito un flusso occidentale e una circolazione sulle nostre regioni con curvatura ciclonica inizialmente più debole, e mano a mano più pronunciata. Nel corso del mese l’Italia ha visto il passaggio di cinque perturbazioni successive, l’ultima delle quali il giorno 31, caratterizzata da un notevole approfondimento della saccatura pre-esistente, con un minimo barico che si è posizionato sullo Ionio, e un conseguente rapido abbassamento delle temperature anche molto al disotto delle medie del periodo per effetto dell’irruzione di aria fredda dal Nord Europa.
A conferma della variabilità climatica del mese vi è l’elevato numero di record storici che si sono verificati (relativamente agli ultimi 63 anni di misurazioni), che hanno riguardato sia gli estremi superiori che inferiori in special modo delle temperature minime. In particolare si segnala che su ben 13 località è stato raggiunto il record storico degli estremi superiori delle temperature minime mensili (citiamo, ad esempio, Dobbiaco (BZ), con -2.4°C, contro i -4.5°C del Dicembre 2013), mentre su altre 12 sono stati registrati i record degli estremi superiori delle temperature minime giornaliere (segnaliamo, ad esempio, Torino/Caselle con i 7.8°C del giorno 1, +2°C rispetto all’ultimo record risalente al 1953), e che sono stati registrati principalmente sulle regioni settentrionali. Di particolare rilievo sono stati i record storici degli estremi inferiori delle temperature minime giornaliere raggiunti sulle coste tirreniche meridionali, tutti riferibili al giorno 31, con Bonifati che è passato dai -3.8°C del 2001 ai -4.0°C, Messina che è passata da 0.8°C del 2001 a 3.0°C, e Trapani/Birgi che è passata da 0.6°C, sempre del 2001, a 1.2°C).
Gli episodi di precipitazione cumulata più significativi si sono verificati nei primi giorni del mese  sul settore adriatico settentrionale e sulla Campania settentrionale (citiamo ad esempio il record storico su Ravenna/Punta Marina del giorno 3, in cui sono stati registrati 75.2 mm di precipitazione cumulata, contro l’ultimo record del 3 Dicembre 1997 di 53.6 mm).

 

Clicca per visualizzare interamente il bollettino mensile

Categorie News: