REPORT PERIODICO ANALISI CHIMICA DELLE PRECIPITAZIONI PRESSO LA STAZIONE DI VIGNA DI VALLE (16224)

 La stazione di Vigna di Valle effettua un campionamento settimanale della precipitazione atmosferica con il raccoglitore automatico MTXFAS005AC del tipo “WET & DRY”. I campioni di precipitazione raccolta sono analizzati dal Laboratorio Chimico del Centro Tecnico per la Meteorologica di Vigna di Valle (Laboratorio WMO-GAW n. 700020). I due principali parametri che vengono determinati per ciascun campione e che caratterizzano la tipologia dello stesso (acido o basico), sono la concentrazione di ioni idrogeno H+ (misurata in valori di pH) e la conducibilità elettrica a 25°C (misurata in μS/cm). Quest’ultima è funzione della concentrazione di una serie di ioni disciolti nell’acqua del campione, tra i quali i più rappresentativi sono (F-, Cl-, NO3-, SO4- :anioni) e (Na+, K+, Mg++, Ca++ e NH4+ :cationi), tutti analizzati in termini di concentrazione (mg/l). Nel grafico seguente sono riportati gli ultimi risultati disponibili delle analisi (pH, conducibilità) relativi ai campioni settimanali del periodo febbraio – aprile 2015. Sull’asse delle ordinate di sinistra sono riportati i valori di pH (in verde). Sull’asse delle ordinate di destra sono riportati i valori di conducibilità (in rosso) e della quantità di precipitazione del campione raccolto (barre verticali) espressa in millimetri. Il giorno di campionamento (asse orizzontale) si riferisce a quello in cui è avvenuta la raccolta di tutta la precipitazione della settimana precedente.

 

Il processo di validazione e trattamento statistico dei dati che scaturiscono dalle analisi chimiche effettuate presso il laboratorio del CTM di Vigna di Valle è normalmente articolato su base semestrale. Esso, infatti, comprende periodicamente la raccolta dei campioni settimanali (classificazione, trattamento, stoccaggio e analisi chimico-fisica) e la ricezione ed analisi dei campioni standard di pioggia “simulata” preparati dal Centro dell’Organizzazione Meteorologica Mondiale (Champagne, IL, USA) che consente l’allineamento dei dati prodotti rispetto ad uno standard certificato (Controlli di Qualità Esterni) e quindi di verificare, insieme ai controlli di qualità svolti di routine (Controlli di Qualità Interni: calibrazioni, carte di controllo dei bianchi e della ripetibilità, ..) il buon funzionamento del laboratorio e quindi l’affidabilità dei dati delle analisi chimiche dei campioni di precipitazione. I risultati della “intercalibrazione” semestrale sono pubblicati sul sito www.qasac-americas.org e suddivisi in base ai tre campioni di pioggia “simulata” analizzati. I periodi dell’intercalibrazione sono tipicamente aprile e ottobre. Oltre all’analisi del contenuto chimico, i campioni di precipitazione ricevono una classificazione sulla base del tipo di fenomeno atmosferico che li ha generati (pioggia - pioviggine, rovescio di pioggia, neve, ecc.) e del tipo di deposizioni trovate in essi (pulviscolo, sabbia, ecc.).

Nel grafico seguente è rappresentata la serie storica del parametro pH per la stazione di Vigna di Valle. La curva in verde rappresenta la media annuale dei valori di pH dei campioni settimanali, la curva blu la mediana e le curve tratteggiate racchiudono un’area corrispondente ad una deviazione standard rispetto medie annuali. La tendenza media del pH sugli ultimi 25 anni è pressoché nulla (+ 0,04 unità di pH all’anno) e, come ci si aspetterebbe, i valori medi di pH sono debolmente acidi (intorno a pH 5.3). In particolare gli ultimi 5 anni mostrano una più marcata tendenza all’aumento del valore di pH (+6%, + 0.3 pH) e, quindi, una riduzione dell’acidità delle precipitazioni atmosferiche.