Uno sguardo alle prossime settimane, Periodo: 18 GENNAIO – 14 FEBBRAIO 2021 (EMISSIONE: venerdì 15/01/2021 – PROSSIMA EMISSIONE venerdì 22/01/2021)

 

Le prossime settimane subiranno ancora gli effetti dell’onda lunga dell’improvviso riscaldamento stratosferico di inizio gennaio e della successiva rottura e displacement del vortice polare stratosferico. Fino alla fine di gennaio tale vortice è previsto rimanere in posizione anomala, ovvero non intorno al Polo, ma sull’Eurasia settentrionale. Per quanto riguarda lo scenario europeo, le conseguenze sulla circolazione nella bassa atmosfera sono per un pattern caratterizzato da persistente NAO negativo fino ai primi giorni di febbraio. Tale circolazione, a noi sfavorevole, sarà determinata da un’anomalia positiva del campo del geopotenziale a 500 hPa tra la Groenlandia e l’Artico, che indurrà un prevalente intenso flusso zonale alle medie latitudini e sul Mar Mediterraneo. In generale, per le prossime tre settimane, l’Europa centroccidentale sarà interessata da una vasta area depressionaria e da correnti occidentali atlantiche, con le quali giungeranno masse d’aria relativamente miti, ma molto umide, che determineranno un tempo molto variabile, a tratti perturbato, caratterizzato da precipitazioni sopra la norma sulle Alpi, sulla Liguria e sulle regioni tirreniche sopravvento agli Appennini.

18 - 24 gennaio 2021

L’inizio della settimana in esame mostra una lieve diminuzione barica dovuta ad una depressione orientale con un temporaneo rialzo a metà periodo ed una nuova successiva flessione a partire dal settore occidentale; il tutto con un flusso che permarrà prevalentemente zonale. Riguardo al campo delle precipitazioni i valori risulteranno al di sopra della media al Nord, specialmente settore alpino e prealpino, e sulle aree tirreniche; un po’ al di sotto sul versante adriatico e stazionari al Sud. Per quello termico si registreranno anomalie positive sulle regioni centromeridionali, in linea invece al Settentrione.

25 - 31 gennaio 2021

Per la fine del mese è attesa la presenza di un campo di basse pressioni su tutto il territorio, con flusso ancora prevalentemente zonale. Per ciò che concerne le precipitazioni è evidente una tendenza superiore al quadro climatologico sulle regioni settentrionali e tirreniche ed un’anomalia negativa su quelle centrali adriatiche ma soprattutto su buona parte del Sud. Riguardo il quadro termico una sensibile anomalia positiva è attesa con valori ben al di sopra della media su quasi tutto il territorio, tranne sul Nord-Est dove saranno prossimi alle statistiche.

01 – 07 febbraio 2021

Anche per l’inizio di febbraio si prevede la presenza di una circolazione mediamente ciclonica di origine polare, in cambiamento solo verso la fine della settimana. Prosegue l’anomalia positiva, seppur meno accentuata rispetto ai periodi precedenti, del campo precipitativo al Nord e su gran parte del Centro, specialmente tirrenico; nelle medie invece sul restante territorio. I valori termici invece si presenteranno superiori alla norma sul settore centromeridionale, in linea invece su quello settentrionale.

8 – 14 febbraio 2021

Dopo un inizio ancora influenzato dalla permanenza della saccatura polare, si dovrebbe raggiungere una situazione con predominanza di un regime anticiclonico anche se i segnali risultano molto blandi. Sia nel campo delle precipitazioni che delle temperature si delinea quindi un quadro con valori neutri, perfettamente nelle medie statistiche.

 

 

 A cura del CNMCA

 

Clicca per saperne di più