Uno sguardo alle prossime settimane, Periodo: 17 dicembre – 13 gennaio 2019 (EMISSIONE venerdì 14/12/2018 – PROSSIMA EMISSIONE venerdì 21/12/2018)

 

Il carattere caotico dell’atmosfera comporta che le previsioni meteorologiche con indicazioni di dettaglio sull’evoluzione del tempo in singole località (previsioni di tipo classico), possano estendersi temporalmente solo a pochi giorni; oltre tale termine la previsione risulta inaffidabile. Le previsioni a lunga scadenza costituiscono l’ultima frontiera della meteorologia nel settore delle previsioni operative. Sono il risultato di una filiera articolata di processi che sono resi possibili grazie all’impiego di potenti calcolatori elettronici, di complessi modelli fisico-matematici che simulano più volte contemporaneamente (ensemble) il comportamento del Sistema atmosfera-oceano, ma anche dell’elaborazione di un massiccio flusso di dati meteo-marini. Infine, l’esperienza e l’interpretazione dell’uomo, in termini meteo-climatologici, gioca un ruolo altrettanto importante. Tuttavia, le previsioni a lungo termine sono molto diverse da quelle di tipo classico, in termini di dettaglio e di affidabilità, in quanto non forniscono l’evoluzione del tempo in singole località e/o in specifici istanti del giorno. Forniscono invece delle indicazioni probabilistiche dell’eventuale scostamento di un parametro meteo, in un determinato periodo, rispetto ai valori medi climatologici. Le previsioni che seguono rappresentano quindi delle tendenze dell’andamento atmosferico atteso e, pertanto, esprimono delle indicazioni di massima di ciò che possiamo ragionevolmente aspettarci nel periodo e nell’area indicata. (Prossima emissione, venerdì 21 Dicembre 2018).

17 – 23 Dicembre 2018

La prima settimana rispecchia perfettamente le condizioni del tempo attese durante il periodo di dicembre con valori nella norma sia per quanto riguardo il campo termico con nessuna variazione sostanziale delle temperature rispetto al periodo di riferimento sia per ciò che attiene alle precipitazioni con valori cumulati in precisa armonia con quanto atteso.

24 – 30 Dicembre 2018

Durante la seconda settimana è attesa una estesa avvezione fredda su gran parte dell’Europa che tenderà ad interessare l’Italia ed in particolare le regioni settentrionali dove, quindi, le temperature sembrano rimetterci qualche grado sia nei valori massimi che minimi a differenza delle regioni centro meridionali dove la diminuzione risulterà più contenuta o al più trascurabile. Riguardo le precipitazioni, invece, sarà il nord a non subire sostanziali differenze dal quadro climatico del periodo mentre il resto della penisola sarà interessato da un periodo sicuramente più piovoso.

31 Dicembre 2018 – 06 Gennaio 2019

Durante la terza settimana si assiste ad una rimonta del geopotenziale al centro sud che tenderà a ripristinare le condizioni climatiche normali per il periodo con valori sia termici che precipitativi poco discostanti dalle medie statistiche riferite alla prima settimana dell’anno.

07 – 13 Gennaio 2019

Per l’ultima settimana, invece, si attende un deciso cambio di rotta con passaggi di perturbazioni che aumenteranno le probabilità di maltempo un po’ su tutte le regioni al punto tale da considerare questo periodo ben più piovoso di quanto stabilito a livello climatologico. Le temperature, da parte loro, non subiranno variazioni significative al centro nord mentre sulle regioni meridionali sono attese in lieve recupero rispetto ai valori medi.

 

 

 A cura del CNMCA

 

Clicca per saperne di più