Informazioni generali sul Servizio Meteorologico dell' A.M.

Dal 1 Maggio 2006, in aderenza alle linee guida di ristrutturazione dell’intero comparto della Difesa, il Servizio Meteorologico dell’Aeronautica Militare si è dotato di una struttura di comando e controllo modificata e strutturata come di seguito:

  • Ufficio Generale Spazio Aereo e Meteorologia – Reparto Meteorologia, USAM, posto alle dipendenze del Sottocapo di Stato Maggiore dell’Aeronautica, che assolve i compiti di definire la regolamentazione e la certificazione dei vari enti meteorologici. Sovrintende alle problematiche di cooperazione nazionale e internazionale nel settore meteo ed alla individuazione delle esigenze di ammodernamento ed adeguamento della struttura del Servizio Meteorologico. Il capo reparto meteorologia dell’USAM è il rappresentante permanente d’Italia presso l’Organizzazione Meteorologica Mondiale. E’ costituito da due uffici che comprendono anche la "Rivista di Meteorologia Aeronautica". E' stato trasferito a Palazzo Aeronautica in viale dell’Università 4 a Roma.
  • Centro Nazionale di Meteorologia e Climatologia Aeronautica, CNMCA, posto in seno al Comando Squadra Aerea e situato sull'Aeroporto "Mario De Bernardi" a Pratica di Mare (Roma) che, nel ruolo di Centro Nazionale, provvede alla raccolta, elaborazione e diffusione di dati e prodotti meteorologici (analisi, previsioni, avvisi, ecc.) su tutto il territorio nazionale.


Dal C.N.M.C.A. dipendono i seguenti enti centrali:

  • il Reparto di Veglia Meteorologica, 1° CMR, di Milano-Linate, con il compito di svolgere la Veglia Meteorologica Aeronautica Nazionale sull'intero spazio aereo italiano e fornire assistenza per le attività di volo civili e militari;
  • il Reparto Sperimentazione Meteorologia Aeronautica, ReSMA, di Vigna di Valle, con il compito di sperimentare la strumentazione e le apparecchiature meteo e di gestire la raccolta dei dati delle reti speciali, in particolare l'ozono, l'anidride carbonica, la radiazione solare globale, la durata del soleggiamento e l'analisi chimica delle precipitazioni;
  • il Centro Aeronautica Militare di Montagna, CAMM, di Monte Cimone (altitudine 2165 metri), ha il compito di rilevare dati ambientali e in particolare misurare i valori delle concentrazioni di fondo di inquinanti atmosferici, cioè quelle quantità minime rilevabili in un ambiente lontano da sorgenti inquinanti, quali insediamenti urbani, industrie e strade di grande comunicazione.


Le strutture periferiche del Servizio che si articolano in:

  • 84 stazioni presidiate delle quali 44 in servizio continuato 24 ore su 24;
  • 110 stazioni automatiche;
  • 26 Uffici Meteorologici Aeroportuali, UMA, con compiti di previsioni per l'assistenza aerea aeroportuale, di cui 11 in servizio continuativo 24 ore su 24.